Chi Siamo

Il Centro Medico Chirurgico Saint Damien Il Centro Medico Chirurgico Saint Damien di Ambanja, è stato fondato nel 1988, come Centro di Soccorso d’Urgenza per rispondere alle molteplici necessità della popolazione abitante la zona Nord-Est del Madagascar. La struttura, infatti, sorge, nella provincia di Antsiranana (Diego Suarez) nella valle del fiume Sambirano, in una zona caratterizzata da una cruciale mancanza di infrastrutture, specialmente nel settore sanitario. Questa zona dista 250 km dal capoluogo più vicino e 1000 km dalla capitale Malgascia, pertanto ben presto il centro si è trasformato in una vera e propria struttura ospedaliera per poter servire al meglio un’utenza di circa 500.000 persone. Il Centro era costituito in origine da una camera operatoria, un ambulatorio, un laboratorio analisi, un servizio di radiologia, un servizio di odontoiatria e sei corsie per un totale di 45 posti letto. Dal 1992 il Centro Saint Damien è stato quindi ampliato con una seconda camera operatoria, un servizio di oftalmologia, e nuove corsie portando la capacità ricettiva del centro a 62 posti letto distribuiti su una superficie complessiva di circa 4400 mq. Il centro si occupa di interventi di chirurgia generale, ostetricia e ginecologia, ortopedia e oftalmologia e conta su un servizio composto da 118 persone, delle quali 17 sono infermieri e quattro sono chirurghi. Tutto lo staff è composto da personale locale ad eccezione dal direttore e fondatore del Centro, Dr. Padre Stefano Scaringella, medico chirurgo di nazionalità italiana appartenete all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini.

Il sostentamento finanziario del Centro è praticamente costituito interamente da aiuti economici esterni. Il Centro opera senza alcuna sovvenzione del governo locale e, per evitare di effettuare una sterile e controproducente opera di assistenzialismo, richiede ai pazienti il pagamento di una modesta retta. Comunque circa il 40 % dei pazienti del centro sono curati senza oneri a loro carico trattandosi spesso di persone indigenti avviate al Centro dai religiosi che operano nella zona. Il Centro Saint Damien, sebbene operi come una struttura totalmente privata, provvede mensilmente a informare il Ministero della Sanità malgascio sulla sua attività. Il Centro collabora regolarmente con il servizio di pubblica sanità come ad esempio per le campagne di vaccinazione e per l’aggiornamento del personale medico e paramedico. Sebbene, come sopra ricordato, il bacino di utenza del Centro sia principalmente la regione di Ambanja, molti pazienti provengono anche da Mandritsara, Befandriana e Anishohihy (250 – 300 km a sud) e Ambilobe e Antsiranana (100 – 230 km a nord) e dai villaggi della costa est. I pazienti, sempre che siano in grado di viaggiare, possono affrontare queste considerevoli distanze solo durante la stagione secca quanto cioè le strade sono agibili. L’attività del Centro Medico Chirurgico Saint Damien deve infine fare i conti con la realtà culturale della popolazione abitante in queste zone remote del Madagascar, che proprio perché distante dalle grandi città, è fortemente ancorata alle antiche tradizioni locali e quindi fondamentalmente diffidente nei confronti della medicina occidentale e più incline a ricorrere ai “rimedi tradizionali”. Le difficoltà di comunicazione e le difficoltà di trasporto hanno impedito uno sviluppo sociale di questa parte del Madagascar e costituiscono inoltre uno dei maggiori ostacoli anche alla diffusione delle pratiche sanitarie di base e alla possibilità di dare accesso alle necessarie cure mediche ad un maggior numero di bisognosi.